Argomenti
Skip Navigation Links
Newsletter
Email:

Spazio casa..."Io e Te"

Proposte e soluzioni per abitare la vostra prima casa

 

Il periodo di preparazione al Matrimonio solitamente coincide con la sistemazione del luogo da abitare. Creare una nuova casa, purtroppo, impone dei compromessi e questo soprattutto per via delle ristrettezze iniziali.
Gran parte degli Sposi, arriva impreparata “all’impresa di progettare la propria casa” commettendo inevitabilmente degli errori.
In fase di lavori di ristrutturazione, le energie da sprecare sono tante, tra impianti da risistemare e mettere a norma, tra pavimenti da rifare, tra rivestimenti da posare e nuovo bagno da progettare, la cosa si fa davvero impegnativa. E’ vero, i lavori di ristrutturazione comportano sempre degli imprevisti, ma se muniti di tanta pazienza e senso pratico, i problemi ben presto saranno risolti e potrete dire…
“Finalmente la nostra casa!”
Esclamazione che suona come sinonimo di raggiunta autonomia.
 Progettare il vostro nido d’amore, sarà un’esperienza bella e importante da condividere e, un’occasione unica per la crescita della coppia. Questo è il momento per adeguare l’appartamento ai propri equilibri e bisogni quotidiani.
La casa è lo specchio di noi stessi, tutto all’interno parla di noi.
Ideare la propria casa comporta notevole preparazione e ricerca; fondamentale è valutare ogni minimo dettaglio in modo da evitare spese inutili.
Infatti, per non commettere errori dannosi e pericolosi, a conti fatti, bisognerebbe rivolgersi sempre ad un professionista del settore, preparato e disponibile, che vi farà risparmiare tempo ed arrabbiature. L’opera di ristrutturazione va coordinata per evitare di trovarsi in situazioni difficili da controllare e gestire, sia a livello di costi che di tempo. Se avete deciso di farvi aiutare da un esperto è fondamentale che vi fidiate di lui, che lo sentiate vicino, di sicuro un architetto-amico presenta dei vantaggi in più, che vi porterà a migliorare il confronto con voi stessi.
Molto importante, prima di iniziare l’opera ed il lavoro, è confrontarsi con il tecnico, elencare quelle che sono le vostre esigenze ed aspettative rispetto alla ristrutturazione, stabilire il budget di spesa da destinare alla ristrutturazione, scegliere il livello delle modifiche da apportare. Inoltre prima di avviare qualsiasi tipo di pratica tecnica è bene controllare che non ci siano problemi strutturali urgenti o basilari da affrontare all’interno della casa, oggetto di ristrutturazione.
Definito ciò, il primo passo da compiere riguarda la stesura e la definizione di piante tecniche. Questa è una parte rilevante per una buona progettazione ed organizzazione planimetrica di tutti gli spazi della vostra casa, quindi, partendo dalla situazione reale in cui si trova l’immobile, valutate con una serie d’incontri con il progettista architetto-amico, tutte quelle che sono le vostre esigenze pratico-funzionali, stanza per stanza, in modo da poter raggiungere la soluzione distributiva migliore per voi.
 
Progettare la casa presuppone uno sguardo globale, dettato dalla funzionalità di tutti gli ambienti. Gli aspetti da considerare, sia tecnici che estetici, sono numerosi: distribuzione interna, orientamento, luce, colori, arredamento, materiali ecc…
La progettazione è frutto di ricerche utili per il miglioramento ed il benessere ambientale. Infatti, le case, oggi, grazie a soluzioni tecnologiche, diventano sempre più intelligenti e automatizzate. Per sfruttare al meglio gli spazi, soprattutto nelle case modeste, si deve tener conto della funzionalità e praticità di ogni singolo ambiente, coniugandoli con quelli che sono i vostri sogni.
 
La casa della società moderna è formata da ambienti sempre più aperti, si cerca di eliminare tutti quegli spazi chiusi come piccole stanze, corridoi, cucinini, definendo nuovi ambienti, delimitati da pareti a scomparsa o scorrevoli, che meglio danno il senso di ampiezza e di flessibilità spaziale. Si preferisce comunque separare la zona giorno dalla zona notte. Se si possiedono spazi con volte alte, è valida l’idea di creare dei soppalchi, in modo da sfruttare al meglio tutto lo spazio anche in altezza.
 
Anche nella scelta dell’arredamento, se non si possiedono mobili avuti in eredità e il budget è limitato, è possibile, comunque, creare e progettare una casa piacevole, magari rivolgendosi a mobilieri che vendono mobili semplici, a prezzi accessibili e dal design curato. Solitamente questi articoli sono facili da trasportare e si possono montare a casa.
Date quindi libero sfogo alla vostra creatività.
Se invece ambite ad una casa personalizzata, dove ogni singolo mobile ed angolo sia disegnato per voi, con un costo decisamente differente dal fai-da-te, potete chiedere all’architetto di seguirvi, passo dopo passo, in tutta la progettazione; in questo caso avrete una casa tutta vostra, studiata e progettata nel dettaglio….nulla verrà lasciato al caso, dagli armadi, alle cabine, ai letti, ai divani e alle altre opere di vario genere, sarà tutto assolutamente Unico, Esclusivo e di Gran Classe.
 
Arch. Salvatore Cannito